.
Annunci online

  cinematico l'arte in movimento in diretta dall'altro lato della luna
 
Diario
 



21 giugno 2008

RIVOGLIAMO IL FESTIVAL DI BELLARIA

Agli autori, i registi, gli attori, i tecnici, le maestranze, i produttori, agli spettatori, a tutti coloro credono nella tutela degli spazi.

Dopo più di 20 anni di tradizione il riferimento italiano per il cinema indipendente italiano, fonte di ispirazione e incontro, aperto a tutti i linguaggi cinematografici, possibilità per tutti gli esordienti filmmaker... CHIUDE A TUTTI I GENERI e AMMETTE SOLO DOCUMENTARI....?!?
 
Chiediamo semplicemente di ripristinare il vecchio regolamento e di continuare la tradizione di 25 anni: quella di OSSERVATORIO PER IL CINEMA INDIPENDENTE ITALIANO e POSSIBILITA' PER TUTTI I NUOVI AUTORI;

Vi invitiamo a sostenere questa iniziativa firmando la petizione online che trovate nei siti segnalati sopra; Nel dettaglio chiediamo all'organizzazione del festival e al Comune di Bellaria IM che lo finanzia un ritorno allo storico bando (pre-2006) e dunque:

  • RIPRISTINO del Concorso Anteprima: aperto a tutti i generi/formati/durate.
  • RIPRISTINO del Concorso 150sec a tema fisso.
  • RIPRISTINO dell'ammissione dei film senza il vincolo dell'anteprima.
  • CHIEDIAMO inoltre a discrezione dell'amministrazione che speriamo agisca per il meglio, di costruire una direzione artistica o altresì affiancare all'attuale direttore altri co-direttori in modo da garantire una più ampia e corretta valutazione dei materiali filmici inviati;
 
Le firme verranno consegnate al comune di Bellaria Igea Marina il prossimo inverno sicché sia chiara la volontà di far ritornare il festival alla sua storica, corretta e utile forma;

Sostenete questa iniziativa
maggiori informazioni ai siti segnalati

www.salviamoanteprima.tk
www.salviamobellaria.tk
www.fiatlvx.it/anteprima


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cinema festival bellaria

permalink | inviato da cinematico il 21/6/2008 alle 7:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


20 aprile 2008

sarà vero?


Quanto odi il potere?
My Result: Liberal
Myspace Quizzes
La libertà ti sta a cuore, anche se non è il primo dei tuoi princìpi, e ritieni che il potere possa essere buono o cattivo a seconda di chi lo detiene.

Take Quanto odi il potere?
Find more quizzes at Quibblo.com
Quibblo




permalink | inviato da cinematico il 20/4/2008 alle 4:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


7 settembre 2006

Il buon Albert E.

Certo che a pensare che tutto è possibile, basterebbe affacciarsi ad una finestra o levare lo sguardo verso l'alto per vedere gli asini che volano. Quante probabilita' ci sono che questo accada? Nessuna !!! Sembra che sia la formula matematica per rasserenare il cielo più grigio. Non è vero, dunque, che tutto è possiile, ma che tra le cose umanamente possibili che si possono fare o che potrebbero capitare, qualcuna è probabile che tocchi anche a noi. Un tale Albert E. diceva che la fantasia, piuttosto che la conoscenza, ci porterà lontano, che tutto è relativo. E' da qualche giorno che perso a due angioletti che non si perdevano mai d'animo anche di fronte a imprese disperate: Stan Laurel & Oliver Hardy




permalink | inviato da il 7/9/2006 alle 1:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


5 settembre 2006

The Queen is still alive !!!

Sessant'anni fa nasceva Freddie Mercury che insieme a Brian May, Roger Taylor e John Deacon avrebbe dato inizio ad una storia che dura da piu' di trentanni. Grazie e ...
HAPPY BIRTHDAY FREDDIE!




permalink | inviato da il 5/9/2006 alle 14:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


5 settembre 2006

NOTORIUS - L'amante perduta

Condannato per alto tradimento a 20 anni, un tedesco, ex spia dei nazisti negli Stati Uniti, si avvelena in carcere. Il governo, tramite l' F.B.I. e nella persona dell'agente Devlin, si mette in contatto con la figlia, Alicia Huberman che conduce una vita dissipata tra feste mondane e abuso d'alcool, e le offre la possibilità di riscattare il nome di famiglia collaborando ad una missione in Brasile per distruggere una rete di spie naziste ancora in funzione.
La donna, ormai innamorata di Devlin, accetta e si introduce in casa Sebastian dove regna una vecchia malvagia e autoritaria. Il vecchio amico Alexander è ancora innamorato di lei e le chiede di sposarlo. Devlin la convince ad accettare. Durante un ricevimento Alicia s'impossessa di una chiave che il marito porta sempre con sé e la consegna a Devlin che trova in cantina alcune bottiglie di vino contenenti polvere di uranio. Alexander Sebastian se ne accorge e, su consiglio della madre, decide di avvelenare la moglie con l'arsenico, in piccole dosi.
(«NOTORIUS», 1946) regia di Alfred Hitchcock.




permalink | inviato da il 5/9/2006 alle 13:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


19 agosto 2006

GhostBusters - AcchiappaFantasmi

Tre scienziati ricercatori dell' Universita' di New York vengono cacciati per scarsi risultati dalla facolta' di psicologia e parapsicologia ma scoprono di avere raccolto abbastanza dati per essere in grado di catturare entita' psicocinetiche, spiriti e fantasmi, che infestano in ogni luogo la citta'. I nostri stabiliscono il loro quartier generale in una ex caserma dei vigili del fuoco ed escono in missione con una ululante, vecchia ambulanza Cadillac del 1959 che sgomma al ritmo di Rock'n'Roll.

Il soggetto e la sceneggiatura del film (1984) sono stati scritti da Harold Ramis e Dan Aykroyd per la regia di Ivan Reitman. Il soggetto originale (1981) prevedeva che a calarsi nei panni degli acchiappafantasmi fossero John Belushi, Dan Aykroyd ed Eddie Murphy, a bordo di una macchina del tempo, ma la prematura scomparsa di John fece slittare il progetto di 2 anni. John Candy rifiutò il ruolo di Louis Tully, il commercialista dirimpettaio di Dana Barrett, interpretata da Sigourney Weaver.




permalink | inviato da il 19/8/2006 alle 17:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


17 agosto 2006

DR. CREATOR - Specialista in Miracoli

Harry, un eccentrico scienziato, gia' premio Nobel, cerca di ridare vita alla moglie scomparsa, clonandone le cellule in laboratorio. Lo aiutano Boris, un assistente entusiasta, e una bella e disponibile ragazza, che ha donato le "uova" per l'impossibile esperimento. Tra le gelosie dei colleghi scienziati e gli imprevisti capricci del destino, il protagonista si accorge ben presto che il suo tentativo è destinato a fallire. Il passato non può ritornare e Meli aspetta che il dottore ricambi il suo amore.

II film ha avuto un percorso piuttosto difficile. Il regista è stato costretto a rimandare l'uscita del film di ben sei mesi e ad intervenire in sede di montaggio per apportare alcune modifiche richieste dalla produzione. La sceneggiatura del film è opera di Jeremy Leven, che l'ha tratta dal suo romanzo omonimo.
(«Creator», USA, 1985) regia di Ivan Passer.




permalink | inviato da il 17/8/2006 alle 17:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


16 agosto 2006

L'Imperatore di Capri

II cameriere Antonio De Fazio viene scambiato per il Bey di Agapur da una bella avventuriera, che gli da appuntamento a Capri . Qui Antonio viene accolto da tutti come se fosse I’autentico principe e introdotto in ogni ritrovo mondano. Grazie alla sue presunte stravaganze,viene poi eletto uomo più chic dell’isola. II vero principe però arriva veramente, ma Antonio riuscirà ad evitare possibili guai salvando la vita del nobile.

Seconda regia di Luigi Comencini, che aveva ipotizzato un diverso tipo di comicità. Il film si sostiene sulla perfomance di Totò che rielabora spunti dalle sue riviste in teatro. L’ambientazione a Capri e la satira dei nobili snob fu ripresa in uno degli sketch di Totò a colori, due anni dopo.
(Ita, 1949)




permalink | inviato da il 16/8/2006 alle 15:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


15 agosto 2006

Viale del Tramonto

Mentre il suo cadavere galleggia nella piscina di una villa, la voce fuori campo dello sceneggiatore Jillis ripercorre la storia della sua relazione con Norma Desmond, anziana diva del muto che vive isolata con il maggiordomo, immersa nel culto del passato e nella vana attesa di ritornare sul set. Jillis vuole scriverle una sceneggiatura e ne diventa il mantenuto, I’amante e infine la vittima.

Undici nomination e tre Oscar vinti: soggetto e sceneggiatura, scenografia e colonna sonora. E uno dei più crudeli film su Hollywood, un viaggio nella decadenza in cui il lato oscuro del cinema coincide con quello della vita. La Swanson era una diva ormai caduta nell’oblio e Stroheim I’aveva diretta in Queen Kelly, il film che lei fa proiettare nella villa, Cecil B. De Mille è ripreso sul set di Sansone e Dalila. Fra i relitti cinematografici a casa della star si riconosce Buster Keaton.
(«Sunset Boulevard», USA, 1950) regia di Billy Wilder.




permalink | inviato da il 15/8/2006 alle 1:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


14 agosto 2006

L'Uomo Invisibile

Questa eccellente commedia nera parla di uno scienziato che mette a punto un siero che provoca l'invisibilita' ma il cui effetto secondario è la megalomania. Il protagonista che indossa un paio di occhiali neri sopra una faccia avvolta dalle bende è memorabilmente minaccioso. Dopo una serie di crimini, pero', viene scoperto (le impronte nella neve tradiscono la sua presenza) e intrappolato dalla polizia. Ferito in modo grave, lentamente, riguadagna visibilità come la vita l'abbandona.

La regia di Whale è piena del suo solito tocco idiosincratico e di molto umorismo che deriva dai confusi personaggi minori. Gli effetti speciali di John Fulton sono molto sofisticati per il periodo, ed è per questo che in seguito fu largamente imitato. Uno dei più riusciti adattamenti di H.J.Wells che rese Claude Rains una stella quasi puramente sulla base della sua voce melliflua. L'Uomo Invisibile è un archetipo nel suo non incomprensibile ritratto dello scienziato che sperimenta su se stesso e che contiene la molto copiata linea: "Sono immischiato in cose nelle quali un uomo deve rimanere solo."
(«The Invisible Man», 1933) regia di James Whale.




permalink | inviato da il 14/8/2006 alle 21:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     aprile       
 

 rubriche

Diario
.: pellicole :.
:. libri .:

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Arabian Eyes
Outlines
CINEMA e LOCANDINE
Serpenta

Blog letto 40548 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom